Il sentiero, realizzato ex-novo dalla Sezione di Pisa ed inaugurato l’8 luglio 2007, è stato dedicato a Maurizio Scheggi, caro amico e figura storica della Sezione. Questo percorso sostituisce un vecchio sentiero ormai dismesso, per evitare il poco piacevole tragitto attraverso le cave di marmo.
Dal rifugio Donegani un breve tratto di strada marmifera asfaltata (che può essere evitato con una ripida scorciatoia) porta all’inizio dell’area estrattiva. Qui sulla destra inizia il nuovo sentiero, con una breve rampa in salita che costeggia una cava abbandonata, seguita da un tratto attrezzato con fune metallica. Quindi il sentiero prosegue in posizione panoramica, dirigendosi verso un’antica piccola cava ed una caratteristica grotta mascherata da un grande albero; traversa poi lungamente a sinistra prima su terreno scoperto e quindi nel bosco.
Lasciando sulla destra il 191 che si dirige verso il Giovetto ed il Pizzo d’Uccello, aggira in quota l’area estrattiva, e si ricongiunge a un tornante dell’antica mulattiera, da cui in breve si raggiunge la Foce di Giovo.
Il sentiero prosegue con la stessa numerazione verso la Foce di Monte Rasori ed il paese di Forno.

DifficoltàEE
Lunghezza- Km
Dislivello in salita- m
Dislivello in discesa- m
ScaricaGPX
OSM[x]